Il giorno 12 marzo 2019 mi sono recata con il mio gruppo e con la nostra professoressa Emanuela Cosenza, al Municipio di Latina per assistere alla riunione del Consiglio Comunale in veste di giornalisti in erba. La riunione, iniziata alle ore 10:10, trattava di alcuni argomenti di diversa natura. Tra i punti all’ordine del giorno c’erano l’istituzionalizzazione di iniziative per la celebrazione del “Giorno della Memoria” e del “Giorno del Ricordo” e la mozione per adottare delle misure di buona educazione e di invito al sorriso per i dipendenti comunali che si interfacciano con i cittadini.
Il primo a prendere la parola è stato il consigliere Enrico Forte del Partito Democratico, il quale ha proposto di istituire una Commissione Storica per ricostruire le persecuzioni razziali nell’allora Littoria e per creare delle pietre d’inciampo che rechino i nomi delle vittime dei campi di concentramento anche a Latina. Dopo tale intervento, i vari consiglieri che si sono espressi hanno dichiarato di essere d’accordo con la mozione sulla Shoah, che è stata approvata.

 

L’altro consigliere a prendere la parola è stato Matteo Coluzzi, appartenente alla Lista Indipendente, il quale ha proposto di coinvolgere gli istituti scolastici di Latina per la ricostruzione della “Giorno del Ricordo”. Anche tale proposta ha trovato l’accoglimento congiunta degli altri consiglieri ed è stata approvata dal Consiglio Comunale. Infine, la successiva mozione proposta dai consiglieri Antoci, Tassi e Leotta, della Lista “Latina Bene Comune”, prevedeva l’adozione e il rispetto di un formulario sulla Buona educazione per i dipendenti che si interfacciano con il cittadino/utente.


Tale mozione è stata osteggiata sia da alcuni consiglieri della maggioranza sia da altri dell’opposizione; pertanto essa non è stata approvata dal Consiglio.

Sara Onorati